lunedì 11 dicembre 2017

Esce oggi ✽ AWAKEN ✽, il volume conclusivo della serie Rya

(piccole considerazioni estemporanee)

Siamo arrivati all'ultimo capitolo della saga di  RYA

Cosa conta, davvero?
La Casa (con la C maiuscola, sì).
La Famiglia (talvolta, non proprio quella "del sangue").
L'onore (termine oggi alquanto desueto, vero?).
Il viaggio di Rya è fisico e mentale: è il tentativo, da parte di una ragazza legata mani e piedi con una corda d'oro, di conquistare la propria individualità. La ricerca di se stessa, di qualcosa di vero per il quale lottare.
Un amore, un figlio, un ideale.
L'amore stesso assume svariate connotazioni. Tutte importanti. Tutte reali.

Questa è una "fine del viaggio" che, ancora una volta, sconvolgerà gli equilibri.
Perchè la vita è così: non sempre il buono vince, non sempre le principesse (che poi, diciamocelo, non siamo altro che noi stesse) accettano di essere salvate, in quanto spesso, quella stessa salvezza, ha un prezzo altissimo.
E oggi, all'uscita di AWAKEN, mi sento un po' orfana.
Mi guardo indietro e rivedo una me stessa molto più giovane, piena di sogni e di speranze, che comincia a tratteggiare su un foglio un abbozzo di storia.
Oggi il cerchio si chiude.
Più o meno, e se leggerete i ringraziamenti finali al testo capirete il perchè di questa affermazione.
Grazie a tutti voi, che avete preso un qualcosa che era solo mio... e lo avete fatto vostro.


Cit:



"Il fiume.
Era cominciato tutto lì, cinque anni prima.
Cinque anni, da quando la mia vita si era spezzata a metà e io avevo intrapreso una strada senza possibilità di ritorno.
Mi resi conto che, anche qualora avessi avuto il dono, come in un sogno, di poter tornare indietro e ricominciare, avrei attraversato comunque quelle acque, scegliendo Nemi e tutto ciò che quell'incontro aveva significato.
Ancora una volta e per sempre."





Cit:
(La gente ha sempre guardato a noi come a mocciosi viziati. Io, Alsisia, Strevj.
Nessuno saprà mai la verità.
Non abbiamo combattuto gli omicidi, le menzogne, il male. Anzi. Ce ne siamo lasciati annettere, e questa è la colpa che ancora oggi scontiamo.
Non siamo bambini innocenti. Nessuno di noi.
Abbiamo vissuto lo strazio di una guerra che ci ha disgregati negli affetti più cari e che ha rovesciato i nostri ideali e le nostre più profonde certezze.
Abbiamo pagato un prezzo altissimo, abbiamo assistito alla morte degli amici, talvolta l'abbiamo causata; se non altro, siamo rimasti a guardare, e abbiamo operato scelto che ci hanno lacerato il cuore.
Siamo ancora in piedi.
Noi, i furbi sopravvissuti.)




LINK ACQUISTO:
AWAKEN è disponibile, in cartaceo e in ebook, su Amazon e, da fine mese, in tutti gli store


Nessun commento:

Posta un commento