lunedì 7 novembre 2016

Tentando

"Quanto t'ho amato e quanto t'amo non lo sai,
(...) Nell'amor le parole non contano:
conta la musica"
 
 
Ovvero: "Il furto dei Munch" è sbarcato da pochi giorni nelle librerie, la redazione Cultura di Quotidiano.net lo annovera tra i quattro gialli da leggere nel mese di novembre ("Non c'è niente di meglio di un buon libro giallo per passare le prime fredde serate di metà autunno. Ma quale scegliere? Ecco la nostra selezione, fatta spulciando la migliore produzione italiana attualmente in circolazione." Oddio), e qui è tutto un tripudio di arte, musica e parole
Agata si destreggia tra mezze verità e
bugie colossali che le lacerano l'anima, Giulio suona e tesse ricami sul pianoforte (senza riuscire a completare il puzzle che costituisce l'anima di sua moglie), i quadri di Munch passano di mano in mano... E, nell'ombra, un burattinaio nascosto tira i fili e gioca le proprie carte...

Dal canto mio, mi sto cimentando con la Variazione 21.
Tentativi: tanti
Successi: non pervenuti
Decisamente, in me c'è poco o niente di Giulio...

 

 

Nessun commento:

Posta un commento